Curiosità

Lucio Dalla, il ricordo di Venditti e De Gregori: “Raramente aveva torto”

today1 Marzo 2022 67

Sfondo
share close

A 10 anni esatti dalla morte del cantautore bolognese Lucio Dalla, il suo ricordo è ancora vivo nei cuori di chi ha amato la sua musica, ma soprattutto di chi lo ha conosciuto e gli è stato amico. È il caso di Antonello Venditti e Francesco De Gregori: recentemente i due artisti romani, in occasione della presentazione del loro nuovo progetto discografico e del tour estivo, hanno ricordato il cantautore con alcuni aneddoti del loro passato insieme, come quella casa trovata per Venditti a Trastevere.

Antonello Venditti ha un dolce ricordo di Dalla, soprattutto di quelle notti romane passate insieme a Trastevere, dove il cantautore bolognese aveva trovato una casa a Venditti nel suo stesso quartiere. “Eravamo un gruppo di persone notturne. Dalla mi ha salvato e mi ha anche trovato casa a Roma, la prima dopo la mia separazione, a Trastevere – ha raccontato Venditti – Lucio raramente aveva torto, perciò bisognava starlo a sentire molto attentamente”. Il cantautore romano ha poi sottolineato come sia più importante ricordarne la vita, piuttosto che la morte, almeno secondo lui: “Non ricordo il 1 marzo, ma il 4: mi sono battuto per la targa sulla casa di Roma in cui dalla ha vissuto fino al 1986. Ho a cuore le nascite, non le morti“.

Venditti e De Gregori
Foto: Benedetta Pistolini / Ufficio Stampa

LEGGI ANCHE > Ariete, il primo album della giovane romana “Specchio” esce il 25 febbraio

A scegliere una sorta di silenzio etico, che rispetti Lucio Dalla per ciò che è stato in vita, più che per quello che è diventato dopo la sua morte, è stato Francesco De Gregori. “Ho avuto la fortuna di lavorare con Lucio per ben due volte – ha detto De Gregori – Mi piace parlare delle esperienze che abbiamo avuto, degli aspetti del suo carattere: ci ho lavorato da vivo, perciò non riesco a fare mio un discorso celebrativo nei suoi confronti“. Anche se in apparenza schivo, questo è un ricordo molto rispettoso del collega defunto: più che celebrarne la figura, quasi santificata dopo quel 1 marzo 2012, De Gregori ha scelto di ricordarne la vita, gli atteggiamenti, la personalità e la presenza.

Venditti e De Gregori
Foto: Benedetta Pistolini / Ufficio Stampa

Scritto da: staff

Rate it
radio pretaporter bfp00

CONTACT US

0%